gomorra Un crimine senza vittime. Pochi attimi (esageratamente dilatati in 135 minuti) dell’esistenza su questa terra di poveri cristi, scelti a caso dalla sorte per essere carne da macello, concime per terre infertili, merda di vacca per pianure tossiche. Deboli istanti, flebili voci, poi un colpo di pistola, poi un altro: poh! poh! poh! e dunque sollevata quella ridicola carne su un caterpillar per il vuoto.

Non c’è un grammo di sostanza che venga via dall’epopea di Gomorra. Tutto resta e si decide fra le 4 pareti di immensi palazzoni dimenticati da dio. Si gioca, si ride, si spara, non si fa l’amore: si fanno figli, si fanno anime, si fanno fonti di reddito per anni di galera. Ma questa è una storia apatica, una storia che non mostra l’uomo che c’è dietro la pistola, il figlio che c’è tra il giubbotto antiproiettile e, sopratutto, è la storia di un popolo senza padri. In galera, moribondi su un letto, a fare da papponi per figli migliori di loro, avidi della loro maestria. E allora via, in mezzo alla strada, fin da piccoli, anche se si cacano sotto dalla paura: gli passerà, da adesso in poi sono uomini.

E dove c’è la vita, dove ci sono le palle, finanche dove c’è la gioia, lì piuttosto mancano le possibilità. L’unico modo per venir fuori è essere meglio degli altri, che vuol dire comandarli, schiacciarli, sottometterli al proprio volere. Ma non ci siamo: questa è una storia apatica, non ci devono essere risa, divertimenti, né pianti. Non si piange, in Gomorra: al massimo si sbadiglia per la grossa mole di banalità che vengono fuori da un camion di rifiuti tossici, come se importasse davvero a qualcuno degli spettatori seduto in poltrona.

No, perché se andiamo al cinema vogliamo vedere il cuore, il sangue e il sudore: i fatti, a dire il vero, ci annoiano. Perché il cinema, in effetti, son due ore. La vita, invece, dura molto di più. Ed è più ricca di questo povero film.

Voto: 4,6


Articolo pubblicato il sabato, maggio 17th, 2008 alle 3:08 am.
Categoria: cinema.

One Comment, Comment or Ping

  1. Brigatismo intellettuale - Dic 14th, 2009

Reply to “GOMORRA di Matteo Garrone (2008)”