Anno Disco 2 3 4 5 6 7
1967 Safe As Milk          6,4  
1967 Mirror Man            7,1
1968 Strictly Personal      4,7      
1969 Trout Mask Replica            7,6
1970 Lick My Decals Off    3,7        
1972 Spotlight Kid 2,0          
1973 Clear Spot   3,2        
1974 Unconditionally Guaranteed     4,6      
1974 Moonbeams And Bluejeans 2,0          
1978 Shiny Beast          6,3  
1980 Doc At Radar Station          6,1  
1982 Ice Cream For Crow       5,1    
  • Safe As Milk: Un incrocio fra i guaiti lascivi alla Howlin’ Wolf e gli sketch demenziali alla Zappa. Una meraviglia incompiuta.
  • Mirror Man: Una serie di dissociazioni blues con contaminazioni acide in un flusso di suoni con brevi soluzioni di continuità.
  • Strictly Personal: Un insieme disordinato di suoni lontanamente dissonanti ma, soprattutto, scombinati.
  • Trout Mask Replica: Misto di farneticazioni folk e aggressioni blues, Trout Mask Replica è sotto la lente del capolavoro.
  • Lick My Decals Off: Un disco che riprende l’intricato disordine di Trout Mask Replica e lo trasforma in un ammucchiarsi di cianfrusaglie musicali.
  • Spotlight Kid: Un tentativo senile e mal riuscito di risalire la china.
  • Clear Spot: Una serie di blues senza nerbo.
  • Unconditionally Guaranteed: Finalmente qualche bluesettino che vale la pena di ascoltare per grazia e la felice scelta del tempo. Certo che le visioni di Trout Mask Replica sono fondamentalmente accantonate.
  • Moonbeams And Bluejeans: Un blues stanco e debole.
  • Shiny Beast: Una raccolta di lamenti ben congeniati, forzarti su una voce che ha ancora molto da dare e arricchiti da arrangiamenti creativi.
  • Doc At Radar Station: Un blues dissonante suonato con forza ed incisività.
  • Ice Cream For Crow: Una serie disorganizzata di suoni disomogenei e mal strutturati: pochi gli spunti, soprattutto quelli di valore.