In un’architettura che si fa e si rifà continuamente in corso d’opera, viviamo gli episodi più magniloquenti di Relationship of Command.

Quella tensione coccolata e lasciata sfiatare orizzontalmente in “Arcarsenal” che indica la strada all’ascoltatore. Così in “Pattern Against User“, nella quale i mattoni vengono posti repentinamente uno sull’altro fino alla catartica elevazione verso l’alto in un’ascensione atemporale.

Ma c’è un momento, nella musica degli At the Drive-In, in cui la riflessione a caldo ha il sopravvento e si fa vivida argilla che servirà da impasto al nuovo edificio catartico.

E’ in questo continuo gioco di tensione che vive i suoi momenti più prolifici questo disco dal facile entusiasmo: in imponente palazzo meravigliosamente adornato nei dettagli, che poi, però, lascia stanze vuote e trombe delle scale in disfacimento.

Architrave!

Voto: 6,7 


Articolo pubblicato il domenica, febbraio 18th, 2007 alle 3:24 pm.
Categoria: 2000'.

No Comments, Comment or Ping

Reply to “AT THE DRIVE-IN – Relationship of Command (2000)”