Think Tank Tracklist: 01. Ambulance 02. Out Of Time 03. Crazy Beat 04. Good Song .mov 05. On The Way To The Club 06. Brothers And Sisters 07. Caravan 08. We’ve Got A File On You 09. Moroccan Peoples Revolutionary Bowls Club 10. Sweet Song 11. Jets 12. Gene By Gene 13. Battery In Your Leg

Un disco dalle tinte agrodolci questo del gruppo britannico. I Blur sono il tipico gruppo che è capace di fare gran belle canzoni come la marocchina “Out of Time“, l’introduttiva “Ambulance” o l’autoreferenziale “Good Song” o la dolce (e non poteva essere altrimenti) “Sweet Song” o, ancora, “On The Way To The Club“, ma anche dei pessimi miscugli di beat ed eccessi di elettronica che danno un vero fastidio auricolare.

L’impressione è che tentino in ogni modo ad uscire dall’immagine di copertina del brit-pop, cercano di crescere, viaggiano, abbracciano nuove musicalità, nuovi generi, nuovi gruppi… Ma credo che oramai siano arrivati a quella strana portata che conclude il pasto e che prende il nome di frutta. D’altronde quando si continua ad inserire nei propri dischi brani come “Crazy Beat“, “Brothers and Sister“, “We’ve Got A File On You“, “Jets” (“Music Is My Radar“?!) vuol dire che si rinnegano (a parole) le proprie radici quando invece ci si è ancora aggrappati con forza. Come un figlio che se ne va di casa sbattendo la porta e poi continua imperterrito a chiamare la mamma tutti i giorni anche più volte al giorno. Il suono è stanco, trascinato, non spontaneo. Viene fuori perché deve venire, manca di elasticità e di un ponte di passaggio. Forza l’ascoltatore, che alla lunga si abbatte gioco-forza.

Fortunatamente, però, ci sono i fAn che per definizione stessa trangugiano qualsiasi cosa che viene dato loro. Non per “onnivoria”, però: è semplicemente che quando si è abituati fin da piccoli a certi gusti difficilmente si ha l’ardire o, peggio ancora, la disposizione, a cambiare traccia e incanalarsi su un nuovo binario. D’altronde in passato erano gli stessi autori che cambiavano rotta e obbligavano l’ascoltatore a seguirlo. Nell’anno del Signore 2003, invece, l’artista ha deciso di assecondare senza remore i propri fan, a patto che questi continuino ad essere fedeli e comprare i dischi con assiduità! Potenza del mercato.

Deboli!

Voto: 4/10


Articolo pubblicato il lunedì, giugno 23rd, 2003 alle 8:00 pm.
Categoria: 2000'.

No Comments, Comment or Ping

Reply to “BLUR – Think Tank – (2003)”