tourists

Lambendo le atmosfere malinconico-sognanti di O e quelle intimistiche di Elliott Smith, Music for Tourists lascia immergere l’ascoltatore in un mare di zucchero raffinato che si diluisce solo alla lunga distanza.

A volte inconcludente, spesso pregno di dolcezza e sostanza in alcuni momenti che lasciano accapponare la pelle: gli apici di “Saturday” e “Baby’s Romance“, lo zerbino delicato di “Sad News”, la soffusa liricità di “Not Nice” e, soprattutto, quella intricata di “Black & Blue”.

Music for Tourists è il nuovo sindaco della città del cuore. Eletto all’unanimità.

Voto: 6,2


Articolo pubblicato il venerdì, aprile 20th, 2007 alle 6:17 pm.
Categoria: 2000'.

One Comment, Comment or Ping

Reply to “Chris Garneau – Music for Tourists (2007)”