o Tracklist: 01. Delicate 02. Volcano 03. Blowers Daughter 04. Cannonball 05. Old Cheats 06. Amie 07. Cheers Darlin 08. Cold Water 09. I Remember 10. Eskimo

Folk irlandese introspettivo e appassionato. Figlio dell’incontro fra Leonard Cohen e Nina Simone, Damien Rice ci incanta con le sue canzoni fatte con semplice maestria: una chitarra (squisitamente acustica), una voce. Nei brani più sofisticati il violoncello e la voce amica di Lisa Hannigan aggiungono quel tocco di classe che arricchisce ulteriormente il disco. Ma non solo questo. In sottofondo bicchieri, mani, corde grattate e ciò nonostante il suono resta essenziale: bello e semplice.

Degli undici brani dell’album sono davvero pochi quelli che non incantano: “Delicate“, “The Blower’s Daughter“, “Amie” regalano sensazioni di pace interiore e l’artista riesce perfettamente a far immergere l’ascoltatore nelle goccie di suono di cui è composta quest’opera. “Cheers Darlin’” trasmette rabbia e rassegnazione, con l’intro di clarinetto e il suono di bicchieri tintinnanti tendenti semplicemente ad aumentare il disordine che successivamente Damien dovrà rimettere a posto con i suoi acuti. Dopo aver ascoltato attentamente l’album non mi sono poi stupito più di tanto della grande affluenza verso il palco principale da parte dei giovani dublinesi mentre si stava accingendo ad esibirsi quest’artista.

Profondo!

Voto: 6,8


Articolo pubblicato il giovedì, aprile 20th, 2006 alle 5:57 pm.
Categoria: 2000'.

One Comment, Comment or Ping

Reply to “DAMIEN RICE – O – (2003)”