Fake Songs Tracklist: 01. SOS 02. United States of Whatever 03. Fake Bjork Song 04. Still Wasted from the Party Last Night 05. Cuz You Do 06. I’m All Bloody Inside 07. Electrician’s Day 08. Rapbot 09. Fake David Bowie Song 10. Rock and Roll Whore 11. Sugar Walkin’ 12. Fake Pixies Song 13. Happy 14. Well Hung 15. Fake Depeche Mode Song 16. Try Me 17. Vulture’s Son 18. Horny Kind of Love 19. Fake Talking Heads Song 20. Sir Track

Direttamente dalla sua casa di nerdslandia e dalla sua eterna loserness questo piccolo ometto figlio della generazione deficiente di MTV fa la sua parte nella nostra audioteca di funny music. C’è da dire che quest’uomo è un matto, ma nel senso buono del termine: diciamo che è un mattacchione. Nelle 20 tracce delle quali è composto l’album si evidenziano talmente tante citazioni ed imitazioni fatte con tale abilità, che capisci al volo il talento di cui è dotato Liam.

Canzoni veramente sopra le righe non ve ne sono, il disco tenta di essere più che altro un modo per scherzare su con la musica (era stato prodotto inizialmente per pochi intimi: solo per gioco), ma quando senti la Fake Song di Bjork o di Bowie, dei Jane’s Addiction o dei Depeche Mode, capisci che alla fine questo tizio strano ne sa un po’ di musica. Il tipico disco per passare una gustosa oretta di puro svago.

Spassoso!

Voto: 4,5/10


Articolo pubblicato il lunedì, giugno 23rd, 2003 alle 8:02 pm.
Categoria: 2000'.

No Comments, Comment or Ping

Reply to “LIAM LYNCH – Fake Songs – (2003)”