Endsongs Tracklist: 01. Escape 02. Best Kept Secret 03. Pretty Face 04. Something 05. Crushed Down and Faded 06. Make Me a Believer 07. Brighter Than Time 08. Crash 09. Ending 10. Make Me Whole

I Longwave sono un gruppo newyorkese che cerca in modo goffo ed maldestro di scopiazzare i Radiohead ed una grossa fetta di brit-pop. Il risultato è in questa pantomima sonora che corrisponde al nome di Endsongs. Se le premesse potevano sembrare incoraggianti, con una “Escape” che si apre in modo solare e virtuoso, con una chitarra che distorce suono ed emozioni, già dalla successiva “Best Kept Secret” si comincia a respirare aria di Thom York & co. prima maniera, quelli di Pablo Honey (1993) e delle chitarre pop, tanto per intenderci.

Quella che poteva sembrare solo un’impressione diventa prova alla successiva “Pretty Face” nella quale i cambi di passo arrivano precisamente nel momento giuto ma la voce di Steve Schiltz non ha né la forza né la tecnica di quella del dirimpettaio virtuoso. Endsongs è un disco senza forza e senza nerbo, nelle successive tracce si assiste anche alla copia dei Travis (“Something“) e il tutto fila via come se fosse un album di cover.

I Longwave mancano di originalità e di punti di forza propri, il sound che propongono non ha nulla di rilevante, le loro sono canzoncine che vanno e vengono e non lasciano nulla che non si potrebbe trovare negli album degli originali. E, se possibile, è sempre preferibile bere direttamente alla fonte.

Inutili!

Voto: 1,5


Articolo pubblicato il venerdì, aprile 21st, 2006 alle 11:28 am.
Categoria: 2000'.

No Comments, Comment or Ping

Reply to “LONGWAVE – Endsongs – (2000)”