Paloalto Tracklist: 01. Depression Age 02. Sonny 03. Monolith 04. Throw the Brick 05. Home 06. Some Things Must Go This Way 07. Mayor and the Seizure Pills 08. Coming Back from the Sun 09. Too Many Questions 10. Swim 11. Beauty of Disaster 12. Made of Stone

I Paloalto sono quanto più vicino ai Radiohead possa esserci: anche più dei Radiohead stessi.

A differenza della banda di Oxford, infatti, questi californiani si sono fermati all’uso di persistenti schitarrate e all’accompagnamento vocale del cantante James Grundler, clone nel cantato di Tom Yorke quanto nel gorgheggio di Matthew Bellamy (Muse). In realtà questi figli di Los Angeles altro non fanno che comporre il loro Pablo Honey, utilizzando la stessa forma e gli stessi tempi, modificando leggermente solo le melodie (ma quelle, si sa, sono da sempre intercambiabili) e limitandosi ad un umile lavoro di copia-incolla.

Ascoltandoli nello scantinato di qualche garage inglese verrebbe la voglia di dir loro di cambiare, di fare qualcosa di originale e non così spudoratamente manieristico; si sentirebbe il bisogno di chiarire che cinquant’anni di rock hanno lasciato alle spalle un bagaglio sufficiente sul quale muoversi, un bacino sonoro variegato dal quale ispirarsi (certo!), ma per dire qualcosa di diverso da quanto già si è fatto.

I Paloalto, invece, dicono a parole loro quanto i Radiohead hanno già ampliamente fatto. E non che il risultato finale sia scadente, semplicemente è attraente come della biancheria usata!

Cambio!

Voto: 1,5


Articolo pubblicato il lunedì, giugno 12th, 2000 alle 10:40 am.
Categoria: 2000'.

No Comments, Comment or Ping

Reply to “PALOALTO – (2000)”