Holes In The Wall Tracklist: 01. Start Again 02. Empty At The End 03. Theres A Silence 04. Somethings Got To Give 05. Its Wasting Me Away 06. Silent To The Dark 07. Sleep Alone 08. This Given Line 09. Why Do You Try So Hard To Hate Me 10. Holes In The Wall 11. Biting The Soles Of My Feet 12. Red Balloon For Me

I The Electric Soft Parade sono due fratelli, Tom e Alex White, che hanno dalla loro parte una buona dose di inventiva, ma la sprecano sempre e comunque.Alex alla chitarra, soprattutto, è un istrione del riff incalzante e singhiozzante, sempre pronto ad invertire la rotta se le esigenze compositive lo richiedono.

Il problema sorge quando devono riuscire a comporre canzoni che non durino più di 15 secondi, nelle quali, quindi, non è sufficiente un’idea pitagorica, ma serve anche un progetto di fondo. Tale progetto non c’è e le composizioni si sgonfiano dopo pochi secondi come se fossero torte mal cresciute: con un immenso vortice al centro che fa da manifesto dell’incompiutezza.Le canzone dei The Electric Soft Parade finiscono per essere come uno stupido scherzo infantile nel quale gli autori lasciano intravedere la caramella ma subito dopo ritirano la mano a sé, lasciando il bambino con un pugno di mosche e la seNsazione di vuoto.

Quelli che potevano essere riff decisivi si trasformano in vaghe costruzioni musicali che richiamano molto da vicino gli Ash senza possedere la loro abilità di giocare con le atmosfere, finendo con una teglia calda e la pancia completamente deserta.Un peccato, considerando che gruppi molto meno dotati sul piano artistico, ma affinati sulla tecnica con la metà delle loro intuizioni avrebbe sfornato ben altro prodotto.

Spreco!

Voto: 4/10


Articolo pubblicato il martedì, luglio 2nd, 2002 alle 5:09 pm.
Categoria: 2000'.

No Comments, Comment or Ping

Reply to “THE ELECTRIC SOFT PARADE – Holes In The Wall – (2002)”