I The Beach Boys sono entertainer di musica popolare.

Cantanti delle gioie del surf e simili, basano tutto l’apparato armonico sulle parti vocali dando poco risalto alla strumentazione. Attraversando con le loro voci le avventure di giovani californiani, irrompono irrimediabilmente sulla scena extramusicale e diventano componente stessa della vita, un’agile base sulla quale giostrare le proprie carte nel magnifico spettacolo del quotidiano.

Non c’è spazio per nient’altro che un’onda sulla quale lasciarsi andare e sorridere con il vento fra i capelli. La musica dei The Beach Boys cerca di trasmette gioia di vivere, trasporto effimero e spinta propulsiva verso il positivo. Un biglietto da visita per chi la vita vuole trascorrerla nel modo più proficuo possibile non guardando mai gli altri attraverso un vetro, ma agendo attivamente sulla scena del quotidiano. Le loro canzoni sono brevi, immediate, di sicuro effetto. Se non fosse per quel basso che sporadicamente entra in scena si faticherebbe quasi a pensare che ci si trova davanti un gruppo rock composto da qualcuno che non sia un acerbo teenager…

Divertissement!

Voto: 2,9


Articolo pubblicato il mercoledì, ottobre 31st, 1962 alle 8:56 pm.
Categoria: '60.

No Comments, Comment or Ping

Reply to “The Beach Boys: Sufin’ Safari (1962)”