I The Beatles sono un gruppo che fa pop melodico semplice e pulito, l’ideale per le masse e per il popolo con basse capacità ermeneutiche e un orizzonte d’attesa molto limitato.

Non c’è nulla di virtuoso in quello che i ragazzi di Liverpool fanno: voce, basso, chitarra e batteria si muovono esattamente come dovrebbero per far risultare il suono meno inconsueto possibile e fare breccia nel migliore dei modi nella cultura popolare.

I The Beatles piacciono: non possono non piacere così come non può non piacere un sorriso. Richiama a situazioni piacevoli già ampliamente conosciute, dispone benevolmente e non fa entrare il germe del dubbio. “Don’t Bother Me” è una delle migliori cover dei Beach Boys, precisa nel suo riferimento al ritmato di marca Brian Wilson, così come “Till I Was You“, richiamo romantico alle atmosfere della west-coast americana.

I The Beatles raccolgono e riportano oltreoceano passaggi e movimenti già ampliamenti saturati dagli stessi Beach Boys e da Chuck Berry (e da Gerry & The Pacemakers e da Buddy Holly e dai Four Seasons…), riproponendoli in salsa rosa ad uso e consumo delle classi medio-basse (intellettualmente ed economicamente).

Il suono di With The Beatles è molto più vicino alla musica leggera che alla musica rock (almeno nei brani originali), quello che il gruppo si sente in grado di fare è operare qualche cover di brani usurati e scoprire cosa è disposta a fare la massa per loro.

E non c’è limite al potere del numero.

Deriva!

Voto: 2.2


Articolo pubblicato il venerdì, agosto 12th, 2005 alle 9:42 am.
Categoria: '60.

No Comments, Comment or Ping

Reply to “THE BEATLES – With The Beatles – (1963)”