Surfer Rosa Tracklist: 01. Bone Machine 02. Break My Body 03. Something Against You 04. Broken Face 05. Gigantic 06. River Euphrates 07. Where Is My Mind? 08. Cactus 09. Tony’s Theme 10. Oh My Golly 11. You Fucking Die! I Said… 12. Vamos 13. I’m Amazed 14. Brick Is Red

Un album decisamente eccentrico.

Nulla è a posto, niente è scontato o perfetto, tutt’altro. Una collezione spasmodica di nei, di orologi sul polsino, di finta ignoranza ostentata con l’orgoglio di chi ignorante non lo è affatto. Un bambino viziato che un giorno si sveglia e decide di metter su musica e, benché abbia capacità per poter conquistare tutti, ha abbastanza autorità da potersi permettere quel che vuole. I quattro, se volessero, potrebbero fare qualsiasi cosa delle note, ma preferiscono scherzarci sopra, prenderle, girarle, palleggiarci e rimetterle a posto. A volte il disco sfiora l’afonia, la stonatura, l’inconciliabilità con qualsiasi cosa che si chiami “musica”.

Eppure sono lì, reggono tranquillamente qualunque palco e qualunque platea, perché i giovani si identificano con quella incompiutezza, con questa costante bolla sconclusionata, con la presa in giro sistematica, con l’irridenza. Poco più di mezz’ora di rincorsa spasmodica verso un punto di non arrivo. La puntina legge il disco all’infinito perché tenta in ogni modo di arrivare ad un dunque e questo non arriva, ma non perchè sia posticipato: semplicemente non c’è. Il conflitto post-adolescenziale raggiunge vette inesplorate e procede imperterrito senza soluzione di continuità. Consigliato per chi lotta ancora con i propri limiti.

Incompiuto!

Voto: 5,0


Articolo pubblicato il domenica, giugno 12th, 1988 alle 10:46 am.
Categoria: '80.

No Comments, Comment or Ping

Reply to “PIXIES – Surfer Rosa – (1988)”