The Smiths

I The Smiths vengono alla luce con questo lavoro proponendo un pop delicato ed amorfo, figlio di un mood inconcludente ed autoindulgente che schiaccia i contenuti a “favore” di una forma accennata il meno possibile. Il sound è decisamente affascinante. La voce del crooner Morrissey riesce ad alternare perfettamente toni alti e gravi, con le parole che restano per qualche secondo in gola prima di essere emesse all’esterno. Questo piacevole effetto, però, dura il tempo di uno, forse anche due brani, ma già al terzo decisamente stanca. Giunti a “Pretty Girls Make Graves” si comincia ad avere un senso di fastidio misto a noia, perchè un’eccessiva ridondanza sommerge il disco.

I riff di chitarra sono così ripetitivi che portano ad una lenta e fastidiosa alienazione mentre Morrissey va avanti praticamente per inerzia. Fortunatamente, prima che un attacco suicida investa l’ascoltatore, “This Charming Man” viene in soccorso, alzando decisamente i toni. La musica resta comunque nell’ambito dei lamenti e della sofferenza interna di Morrissey, ma non più sossurrata ad un popolo che ha la possibilità di ascoltare, questa è quasi imposta, oserei dire quasi “comunicata” agli altri. Così anche “Still Ill“. Adesso la musica non cerca più di raggiungere un pubblico di pochi “fortunati”, prova a raggiungere più persone, si mette quasi alla ricerca di queste. In parte viola anche l’intimità precedentemente creata per mettersi più al servizio della massa (una massa comunque ingentilita, s’intende). Viene, così, il capolavoro “Hand In Glove“, la rosa del loro debutto che si carica di tinte forti per cantare la felice rabbia dell’omosessualità di Morrissey, e in una sola canzone riesce a sintetizzare anni ed anni di schiavitù morale. D’ora in avanti sarà un (breve) crescendo, da “What Difference Does It Make” a “Suffer Little Children“.

Un debutto chiaroscuro dedicato a quella grande fetta di adolescenti che non si riconosce nella rabbia isterica del punk, ma ha semplicemente bisogno di un pianto autoriflessivo od un urlo gentile.

Delicato!

Voto: 2


Articolo pubblicato il mercoledì, aprile 12th, 2006 alle 12:01 am.
Categoria: '80.

No Comments, Comment or Ping

Reply to “THE SMITHS – The Smiths (1984)”