Temple Of The Dog Tracklist: 01. Say Hello 2 Heaven 02. Reach Down 03. Hunger Strike 04. Pushin Forward Back 05. Call Me a Dog 06. Times of Trouble 07. Wooden Jesus 08. Your Saviour 09. Four Walled World 10. All Night Thing

Temple Of The Dog è un progetto nato come tributo al cantante dei Mother Love Bone, Andrew Wood. Fanno parte di questo progetto sia i componenti restanti del sopracitato gruppo (Stone Gossard, Jeff Ament) con Mike McCready e Eddie Vedder, che Chris Cornell e Matt Cameron (Soundgarden). Quello che viene fuori, da tale collaborazione, è un album dall’alto lirismo, accentuato olte il lecito dal cantato profondo e commosso di Chris Cornell, perennemente in bilico fra le spinte al gospel e le sue tendenze alla lacerazione dell’ugola.

Temple Of The Dog è un album pieno di suono, ricco di momenti contemplativi, di rimembranze di ciò che è stato: tutto il disco è pervaso da un senso di passato nostalgico che mette perfettamente a nudo la profonda particolarità della voce di Cornell che, seppure non elastica come quella del collega Vedder (e la grossa differenza viene tutta fuori nel cantato di “Hunger Strike” nel quale il Soundgarden dà le spalle e lascia condurre il gioco all’altro), è dotata di uno slancio notevole. La pienezza di suono che contraddistingue il disco si trasforma, però, in tediosa manifestazione vocale man mano che il disco prosegue a masticare queste atmosfere dimesse e nostalgiche, cosicchè all’ennesimo accenno di ballata che si trascina ancora grazie alla voce del suo cantante (“Times Of Trouble“), il senso di stanchezza riecheggia indissolubile e il tempio del cane finisce per diventare una bieca cappella gentilizia nella quale seppellire definitivamente le spoglie del defunto Wood.

Con la morte non si scherza, questo è ovvio, ma è altresì vero che non ci si deve nemmeno lasciare andare al culto del defunto indipendentemente dal suo valore.

Tempio!

Voto: 4,5


Articolo pubblicato il lunedì, luglio 2nd, 1990 alle 5:02 pm.
Categoria: '90.

One Comment, Comment or Ping

Reply to “TEMPLE OF THE DOG – (1990)”