Undertow Tracklist: 01. Intolerance 02. Prison Sex 03. Sober 04. Bottom – Henry Rollins 05. Crawl Away 06. Swamp Song 07. Undertow 08. 4° 09. Flood 10. Disgustipated

I Tool sono un gruppo che tende sempre e comunque alla tragicità musicale. La loro proposta sonora si sposa appieno con un panorama opprimente e rabbioso, ostico ai più.

Partendo da un ritmo fortemente scandito dalle esigenze della sezione ritmica, il suono diventa irrequieto e pesante, la voce di Maynard James Keenan è immanente, viene dalla terra ed in quella vuole tornare. I Tool prendono in mano un mondo ampiamente malato e lo dipingono con colori cupi al limite del tetro, ma lasciando che l’aria sia ancora respirabile per potervi inserire i loro improperi e le loro sentenze. Undertow, in questo modo, risulta essere un disco pieno di carattere, ma contemporaneamente di una rara pesantezza, tremendamente in cerca dell’uscita da un dedalo sotterraneo logoro e stantio. Decisamente indigesto.

L’atmosfera la sanno ricreare ad arte, quello che manca loro è, magari, di inserire anche qualche contenuto, prodotto che non sazia mai.

Pomposi!

Voto: 2,5


Articolo pubblicato il giovedì, aprile 20th, 2006 alle 6:09 pm.
Categoria: '90.

No Comments, Comment or Ping

Reply to “TOOL – Undertow – (1993)”